Bioenergetica

La vita di oggi è molto frenetica e ci porta ad essere concentrati sui nostri pensieri e a trascurare il corpo. Molte delle attività che facciamo sono sedentarie e ripetitive e anche questo favorisce un accumulo di pensieri e un corpo sempre meno sentito e vissuto. Anche la pratica sportiva spesso è legata ad ottenere delle prestazioni che superino i limiti del corpo e raramente è dedicata all’ascolto e al rispetto di esso.

Il corpo così dimenticato accumula contratture, tensioni, dolori e malesseri.

Anche le emozioni possono essere difficili da gestire, a volte sono sconosciute, altre volte sono negate, altre volte sono troppo presenti e troppo forti ma difficili da esprimere in modo equilibrato.

Attraverso la bioenergetica si compie un lavoro integrato sulla mente sul corpo e sulle emozioni e la pratica costante favorisce un riequilibrio di queste tre importanti aspetti della persona.

La bioenergetica, oltre a favorire il rilascio delle tensioni corporee ed emotive, rafforza l’attitudine di stare nel proprio corpo e quindi la capacità di vivere la vita con radicamento, di esprimersi, di ascoltarsi, di respirare in modo libero ed ampio.

“La bioenergetica è una tecnica terapeutica che si propone di aiutare l’individuo a tornare ad essere con il proprio corpo e a goderne la vita con quanta pienezza possibile. Questo risalto dato al corpo comprende la sessualità, che ne è una delle funzioni fondamentali. Ma comprende anche funzioni ancor più basilari come quelle di respirare, muoversi, sentire ed esprimere se stessi. Una persona che non respira a fondo riduce la vita del corpo. Se non si muove liberamente, limita la vita del corpo. Se non sente pienamente, restringe la vita del corpo. E se reprime la propria autoespressione limita la vita del corpo”

Alexander Lowen

In pratica durante una “Classe di Bioenergetica” come conduttrice ti accompagno in un percorso di scoperta di te e della relazione con il tuo corpo, se hai la costanza di partecipare a diversi incontri in modo graduale puoi veramente trasformare la relazione con il tuo corpo e liberarti di stress e tensioni.

In una classe di bioenergetica:

  • ti propongo semplici esercizi in movimento, invitandoti a mantenere la consapevolezza su ciò che senti muovendoti, dando ascolto innanzitutto alle sensazioni corporee e a tutto quello che emerge a livello di emozioni e pensieri;
  • ti invito a portare la tua attenzione al respiro,  senza utilizzare particolari tecniche, semplicemente ti invito ad accorgerti respirare, e a prendere consapevolezza dei diversi aspetti del tuo modo di respirare; il respiro più ampio permette di sentire maggiormente le sensazioni e ciò che si muove dentro. Nella bioenergetica si lavora sul respiro spontaneo e naturale nel senso che si va alla ricerca, attraverso il sentire e lo sperimentare, di quelli che sono i blocchi del respiro che possono essere a livello del diaframma o nei muscoli del torace, delle spalle, del petto; si lavora su questi blocchi attraverso il movimento e la respirazione con lo scopo di sciogliere i blocchi e ripristinare un respiro che man mano si avvicina a quello di un bambino, in questo modo si va a ripristinare l’energia potenziale; lavorando sulla respirazione si favoriscono rilassamento e concentrazione
  • molti esercizi si concentrano su piedi e gambe, pilastro e sostegno del corpo, questo lavoro è molto importante per il radicamento corporeo che va di pari passo con il radicamento mentale ed emozionale nella realtà;
  • altri esercizi sono per gli occhi e lo sguardo, guardare qualcuno negli occhi è sempre più difficile in questo mondo di relazioni che vanno di corsa, aprirsi a comunicare semplicemente attraverso lo sguardo è un tesoro prezioso, il lavoro con il facing fa parte di un lavoro corporeo ed emozionale di comunicazione con sè e con l’altro;
  • nella vita, soprattutto nella nostra cultura, tendiamo a caricare e scaricare in modo automatico trascurando la fase intermedia di metabolizzazione dell’esperienza, quindi della comprensione delle sensazioni che l’esperienza ha prodotto in noi; nella bioenergetica si rispettano invece tutte queste fasi di caricamento e scaricamento dell’energia;
  • dove ci sono delle contrazioni o delle tensioni corporee l’energia è bloccata; con la bioenergetica, attraverso un lavoro emozionale e corporeo si va verso il libero fluire dell’energia per attivarla;
  • riconoscere le nostre risorse e imparare ad usarle per muoverci verso la vita; questo alle volte significa scoprire sensazioni non piacevoli; imparare ad accettare anche queste è fondamentale perché ci mette a disposizione energia che possiamo utilizzare per altre situazioni;
  • il nostro corpo reagisce in maniera soggettiva, provocando delle contrazioni muscolari che sono delle difese; durante la classe puoi riconoscere i blocchi energetici, diventarne consapevole e lavorarci con la bioenergetica; alcuni problemi si possono risolvere.

Ogni incontro di bioenergetica si conclude con un rilassamento, accompagnati da una musica e dal suono della mia voce puoi finalmente dedicarti all’arte del non fare, e lasciare che il tuo corpo si prenda il meritato riposo, e la tua mente possa viaggiare attraverso le immagini che suggerisco e che hanno lo scopo di ricaricarti a livello mentale ed emozionale.

Se vuoi conoscere i pensieri di alcune allieve di bioenergetica che ho avuto negli ultimi anni clicca qui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *